Frontiera Lavoro – Mission

Una cooperativa per la crescita dell’individuo nella comunità, all’insegna dell’integrazione sociale e dell’inserimento socio lavorativo


La Cooperativa si ispira ai principi che sono alla base del movimento cooperativo mondiale  ed in rapporto ad essi agisce. Questi principi sono: la mutualità, la solidarietà, la democraticità, l’impegno, l’equilibrio delle responsabilità rispetto ai ruoli, lo spirito comunitario, il legame con il territorio, un equilibrato rapporto con lo Stato e le istituzioni pubbliche.

Il fine della cooperativa è il perseguimento dell’interesse generale della comunità alla promozione umana ed all’integrazione sociale dei cittadini, in particolare attraverso la progettazione e la gestione di servizi socio-assistenziale ed educativi con e per disabili, anziani, minori a rischio e/o soggetti in situazione di svantaggio, culturale e socio famigliare.

La Cooperativa, per poter curare nel miglior modo gli interessi dei soci e lo sviluppo socio economico e culturale delle comunità, deve cooperare attivamente, con altri enti cooperativi, altre imprese ed imprese sociali ed organismi del Terzo Settore, su scala locale, nazionale e internazionale.

In particolare la cooperativa si propone di gestire la progettazione e la gestione di interventi nell’ambito delle politiche attive del lavoro, al fine di favorire una progettualità sociale e di rete per sostenere percorsi di inclusione sociale all’interno dei quali il lavoro rappresenti l’esercizio effettivo di un diritto sociale.

La missione della Cooperativa si fonda pertanto sui seguenti obiettivi:

  • Favorire processi di integrazione sociale: una società che valorizza le differenze e le integra è una società più ricca e capace di reagire creativamente alle difficoltà
  • Sperimentare nuovi servizi in grado di poter incidere efficacemente sulle nuove dinamiche dei processi di esclusione; operando per il pieno inserimento socio-lavorativo delle persone
  • Favorire l’attuazione del diritto al lavoro, sostenendo gli individui -soprattutto i più deboli- in tutte le fasi della vita attiva; specialmente in quelle più rischiose di transizione
  • Promuovere e rafforzare la rete degli attori locali -profit e non profit – per il miglioramento della qualità della vita delle persone
  • Dare un segnale di come efficienza e solidarietà possano e debbano coesistere, portando al mondo delle imprese for profit un contributo di attenzione alla sfera etica e sociale.